Lesioni del menisco: cause e tipologie

  • Team Move 

I menischi mediali e laterali sono strutture fibrocartilaginee a forma di mezzaluna situate nell’articolazione del ginocchio e possono essere soggette a lesioni.

Questi menischi sono fondamentali per la distribuzione del carico e la stabilità del ginocchio. Le lesioni meniscali, tra le più comuni lesioni del ginocchio, possono derivare da traumi o usura legata all’età.

lesioni

Sintomi della lesione del menisco

I sintomi delle lesioni meniscali variano in base alla gravità e alla localizzazione del danno. Tuttavia, alcuni segni e sintomi tipici possono aiutare a identificare una lesione meniscale. 

Ecco alcuni di essi:

  • Dolore: Il dolore è uno dei sintomi più comuni delle lesioni meniscali. Può essere localizzato nella parte interna o esterna del ginocchio, peggiorare durante l’attività fisica e migliorare con il riposo.
  • Gonfiore: Il ginocchio può presentare gonfiore ed edema a seguito di una lesione meniscale. Il gonfiore può essere più evidente nella parte interna o esterna del ginocchio, a seconda del menisco coinvolto.
  • Limitazione dei movimenti: Le lesioni meniscali possono causare una limitazione dei movimenti del ginocchio, rendendo difficile flettere o estendere completamente l’articolazione.
  • Scricchiolii o blocchi articolari: In alcuni casi, le lesioni meniscali possono causare scricchiolii o blocchi articolari durante i movimenti del ginocchio, dovuti alla presenza di frammenti di cartilagine liberi nell’articolazione.
  • Sensazione di instabilità: Alcune persone con lesioni meniscali possono percepire una sensazione di instabilità al ginocchio, come se l’articolazione fosse “fuori posto”.
  • Dolore nel fare le scale: Uno dei sintomi più comuni è il dolore durante la discesa delle scale.

Se si sospetta una lesione meniscale, è importante consultare un ortopedico per una valutazione accurata. Il medico potrà prescrivere esami diagnostici, come una risonanza magnetica o un’artroscopia, per confermare la diagnosi e stabilire il trattamento più adeguato. In alcuni casi, le lesioni meniscali possono risolversi con terapie conservative, come riposo, ghiaccio, compressione e fisioterapia. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per riparare o rimuovere il menisco danneggiato.

Cause traumatiche o degenerative delle lesioni

Le lesioni meniscali possono essere causate da vari tipi di traumi, come torsioni brusche del ginocchio, movimenti improvvisi di rotazione o forze di compressione. Durante la pratica sportiva o in seguito a un incidente, il ginocchio può subire una torsione o una flessione eccessiva che porta a una lesione dei menischi.

La dinamica attraverso la quale questi traumi creano lesioni ai menischi è piuttosto semplice ma molto dolorosa. Durante il trauma, il menisco può essere schiacciato, strappato o squarciato, causando dolore, gonfiore e limitazioni nei movimenti del ginocchio. A volte, il menisco può anche essere spostato dalla sua posizione originale, causando ulteriori complicazioni.

Le lesioni meniscali possono essere di diversi tipi e variare nella gravità. Le lesioni minori possono guarire con cure conservative come riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione (RICE), mentre lesioni più gravi possono richiedere interventi chirurgici come la sutura del menisco o la rimozione parziale o totale del menisco danneggiato.

Per evitare le lesioni meniscali è importante praticare un corretto riscaldamento prima di svolgere attività fisica, utilizzare protezioni adeguate durante la pratica sportiva e evitare movimenti improvvisi e bruschi che possano mettere a rischio la stabilità del ginocchio.

La degenerazione articolare è un processo che coinvolge la progressiva rottura e usura del tessuto cartilagineo che riveste le estremità delle ossa all’interno dell’articolazione. Questo processo può portare a una maggiore pressione sul menisco, causando danni e lesioni.

Le lesioni meniscali causate da degenerazione articolare possono manifestarsi attraverso crack, blocco o gonfiore del ginocchio, dolore e limitazione dei movimenti articolari. Queste lesioni possono essere acute, causate da un trauma improvviso o un movimento brusco, oppure croniche, causate da un uso eccessivo e ripetuto del ginocchio nel tempo.

La diagnosi delle lesioni meniscali causate da degenerazione articolare può essere effettuata attraverso esami clinici, come l’analisi della storia clinica del paziente e la valutazione dei sintomi ma anche attraverso esami radiologici, come risonanza magnetica o ecografia.

Il trattamento delle lesioni meniscali causate da degenerazione articolare dipende dalla gravità della lesione e può variare da terapie conservative, come riposo, terapia fisica e farmaci antinfiammatori, a terapie più invasive, come l’intervento chirurgico per riparare o rimuovere il tessuto danneggiato.

Per prevenire le lesioni meniscali causate da degenerazione articolare è importante adottare uno stile di vita sano, evitare attività dannose per il ginocchio, come movimenti bruschi o ripetitivi, e mantenere un peso corporeo adeguato per ridurre la pressione sulle articolazioni.

Tipi di lesioni meniscali

Esistono diversi tipi di lesioni meniscali, ognuna con caratteristiche specifiche e conseguenze diverse per il paziente. Tra le lesioni più comuni troviamo le lesioni longitudinali, orizzontali, a “manico di secchio”, radiali, a “becco di pappagallo”, tipo flap, complesse.

  • Lesioni longitudinali: si verificano lungo la direzione dell’asse del menisco. Possono essere parziali o totali e causare dolore, gonfiore e limitazione dei movimenti articolari.
  • Lesioni orizzontali: si sviluppano lungo il piano trasversale del menisco e possono compromettere la funzionalità dell’articolazione.
  • Lesioni a “manico di secchio”: si verificano quando una parte del menisco si separa dal corpo principale a causa di un’irregolarità nella superficie articolare. Questo tipo di lesione può causare blocco dell’articolazione e dolore acuto durante i movimenti.
  • Lesioni radiali: caratterizzate da una rottura che va dall’interno verso l’esterno del menisco. Possono essere molto dolorose e compromettere la stabilità dell’articolazione del ginocchio.
  • Lesioni a “becco di pappagallo”: si verificano quando una porzione del menisco si piega all’interno dell’articolazione, causando dolore e limitazione dei movimenti.
  • Lesioni tipo flap: si verificano quando una porzione del menisco si solleva come un lembo. Questo tipo di lesione può causare blocco articolare e dolore acuto durante i movimenti.
  • Lesioni complesse: coinvolgono più tipi di rottura e possono richiedere un intervento chirurgico per il trattamento.

Lesione al menisco mediale o al menisco laterale

Le percentuali di coinvolgimento dei menischi mediali e laterali nelle lesioni meniscali variano a seconda degli studi e delle popolazioni esaminate. Tuttavia, generalmente si stima che le lesioni meniscali siano più comuni nel menisco mediale rispetto a quello laterale. Questo è dovuto alla maggiore stabilità e alle maggiori sollecitazioni a cui il menisco mediale è sottoposto rispetto al menisco laterale. Il menisco mediale è più grande, più stretto e meno mobile rispetto al menisco laterale, rendendolo più vulnerabile alle lesioni.

Le lesioni meniscali possono essere causate da traumi acuti (come torsioni del ginocchio durante l’attività sportiva), movimenti ripetitivi (come durante la corsa o la pedalata) e usura dovuta all’età. Le lesioni del menisco mediale sono spesso associate a traumi acuti dovuti a movimenti di torsione del ginocchio, mentre le lesioni del menisco laterale sono più spesso associate a movimenti ripetitivi e usura dovuta all’età.

Le lesioni meniscali possono causare dolore, gonfiore e limitazione dei movimenti del ginocchio e, se non trattate adeguatamente, possono portare a problemi più gravi come l’artrosi. È fondamentale consultare un medico in caso di sintomi sospetti e seguire un adeguato percorso terapeutico che può prevedere riposo, fisioterapia o, in casi più gravi, interventi chirurgici come la meniscectomia o la riparazione del menisco.

Potrebbe interessarti anche questo articolo: “Acido ialuronico o prp: quale scegliere e perché?”

Condividi se ti è stato utile questo contenuto!

Sei pronto a prenderti cura di te stesso?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere il 20% di sconto sul primo trattamento.